Una full immersion nella Street art: il grande workshop di Formello

对不起,此内容只适用于意大利文。 For the sake of viewer convenience, the content is shown below in the alternative language. You may click the link to switch the active language.

Continua “La classe non è acqua” ciclo di laboratori con i più grandi street artist italiani

Non capita tutti i giorni di poter lavorare gomito a gomito con i più grandi protagonisti dell’arte urbana contemporanea e con gli autori dei più significativi e riusciti blitz urbani. A Formello a fine gennaio inizia un avvincente workshop di sei appuntamenti organizzato dal curatore Giorgio de Finis, articolato in un ciclo di incontri, da gennaio a giugno, con i più importanti interpreti dell’arte urbana, da Lucamaleonte a Iginio de Luca, da Rub Kandy a Nicola Alessandrini, fino a Veronica Montanino, Guerrilla Spam, Diamond, Lisa Gelli, Nemo’s, Alessandro Bulgini e Diavù. Tutti artisti che hanno fatto della loro poetica un linguaggio efficace, dirompente, rivoluzionario e avanguardistico. Così all’avanguardia da convincere pubblico e critica e diventare uno dei mezzi espressivi più efficaci e suggestivi.

IL PROGETTO
“La classe non è acqua” è il titolo del ciclo di laboratori che Formello propone, a partire dalla fine di gennaio, negli spazi dell’ex lavatoio. Tag, writing, stencil-graffiti, pitture su muro, anamorfosi, collage, poster art, scultura, installazione e performance urbana, incursioni: queste le materie previste da questo corso sui generis che ha per tema la Street art e il blitz urbano. A salire in cattedra sono gli indiscussi protagonisti dell’arte di “strada”: Rub Kandy, il collettivo Guerrilla Spam, Diamond, Lucamaleonte, Iginio de Luca, Nicola Alessandrini e Lisa Gelli, Nemo’s, Alessandro Bulgini, Veronica Montanino e Diavù.

I laboratori, che affiancheranno alla progettazione di gruppo momenti teorici e di approfondimento (per ciascun laboratorio sono previste dalle 12 alle 24 ore di lezione e lavoro di gruppo), sono rivolti principalmente ai giovani artisti e curatori, agli studenti delle accademie ma anche a tutti coloro che, al di là di barriere disciplinari e generazionali, intendano approfondire la conoscenza di quella variegata geografia di pratiche artistiche che sta trasformando, customizzandole, le nostre città in un museo a cielo aperto.
Gli appuntamenti dei laboratori si svolgono al Centro per l’Incisione e la Grafica d’Arte (ex lavatori), in viale Regina Elena 3, Formello. Gli orari di lezione sono dalle 10.00 alle 13.00 e dalle 15.00 alle 18.00 (salvo cambiamenti che saranno comunicati agli iscritti)

CHI LO ORGANIZZA
Il ciclo di laboratori è coordinato da Giorgio de Finis, ideatore e direttore artistico del DIF (il Museo diffuso di Formello) e del MAAM (il Museo dell’Altro e dell’Altrove di Metropoliz), e curatore della -1 Art Gallery, lo spazio underground della Casa dell’Architettura di Roma. L’intero progetto è realizzato in collaborazione con il Comune di Formello, RUFA Rome University of Fine Arts e INSIDE ART.

OFFERTA PER GLI STUDENTI RUFA
RUFA è partner del progetto. Per gli studenti RUFA il prezzo per ogni singolo laboratorio è di 75 euro (invece di 100 euro). Considerato l’alto valore scientifico dell’iniziativa, l’Accademia riconosce un credito formativo per ogni laboratorio a cui gli studenti prenderanno parte. Ogni studente è libero di iscriversi a tutti i laboratori in programma. L’importante, per fini organizzativi, è comunicare alla segreteria dell’Accademia entro il 28 gennaio quali sono i laboratori a cui ci si intende iscrivere.

ISCRIZIONI (ECCETTO STUDENTI RUFA)
La partecipazione è aperta a tutti i creativi che vogliano conoscere a fondo la Street art e il Blitz urbano. Se ne studieranno infatti le tecniche, i materiali, l’organizzazione del lavoro, la scelta dei luoghi, la costruzione del messaggio. L’iscrizione per tutti ha un costo di 100 euro a laboratorio. Ogni laboratorio è comprensivo di tutte le giornate di studio con un singolo artista.
Info e iscrizioni: difmuseodiffuso@altervista.org
http://difmuseodiffuso.altervista.org Le iscrizioni devono essere presentate entro due giorni dall’inizio dell’incontro con l’artista.

Programma del workshop